Home arrow Itinerari arrow Centro Storico
Centro Storico
Indice articolo
Centro Storico
Pagina 2
Pagina 3

 

Castello

Il monumento più imponente di questa piazza è indubbiamente il castello, che sorge sul lato meridionale. La sua origine risale all’età normanna, ma così come lo vediamo oggi esso è il risultato del susseguirsi di diversi interventi che lo hanno portato da fortezza difensiva a residenza feudale. In ogni caso esso era tra i più considerevoli già in età federiciana, perché al tempo di Federico II era già menzionato tra quelli che necessitavano di interventi.

Nel 1247 papa Innocenzo IV concesse il castello e le sue pertinenze a Tommaso e Riccardo di Marimonte, ma l’effettiva immissione nel possesso di costoro probabilmente non avvenne a causa dell’opposizione di chi restò fedele a Manfredi di Svevia, le cui truppe saracene al soldo, lo devastarono nel 1254, punendo così la fedeltà di Mesagne al papa.

La torre quadrata che ancora si erge imponente, invece, fu fatta costruire da Giannantonio del Balzo Orsini, agli inizi del XV secolo ed a quel periodo probabilmente risale anche la sistemazione delle mura che cinsero la parte antica della città, intervallate da ben 22 torrette che ne descrivevano, quasi a tappe, il percorso.

Ma la torre anticamente aveva qualcosa in più. Sulla sua sommità, infatti, ne insisteva un’altra – più piccola di dimensioni – che veniva chiamata “torre del Polledro” o “Polledrello”. Essa fu abbattuta attorno al 1750, a causa dei considerevoli danni che la struttura aveva subito con il sisma del 20 febbraio 1743.

Da palazzo baronale, il castello diventò proprietà comunale nel 1973. Per qualche tempo sede di istituzioni di volontariato e della stessa biblioteca comunale, è stato, in seguito, sottoposto ad intelligenti e completi lavori di restauro e dal 1999 ospita il museo civico, uno dei più importanti dell’area salentina, punto di riferimento di quanti vogliono studiare, o semplicemente conoscere, la civiltà messapica, l’interscambio tra questa e la civiltà magnogreca, la romanizzazione della Puglia meridionale, il tardo medioevo.

 

Museo

Il Museo Civico Archeologico «Ugo Granafei» fu istituito nel 1935 con una donazione privata, che faceva parte della Biblioteca Popolare omonima. Esso si è successivamente arricchito grazie ai materiali di altre donazioni, rinvenimenti fortuiti, campagne di scavo, e grazie anche ai reperti assegnati in deposito dalla Soprintendenza Archeologica per la Puglia. Attualmente il patrimonio complessivo è di circa 2.500 reperti, di cui circa 1.000 esposti.

Gran parte delle teche documenta la cultura materiale dell'età messapica tra il VI e il IV sec. a.C.), relativamente all'area urbana ed a quella dei due siti di «Muro Tenente» e «Muro Maurizio», compresi nell'ambito territoriale della città. Le restanti teche illustrano vasellame dell'età del Bronzo, manufatti in pietra, materiale di età romana e ceramica di età medievale. La sezione dedicata alle iscrizioni su pietra, il lapidarium è costituito prevalentemente da iscrizioni latine, a testimonianza dell'importanza della presenza romana nel territorio, dopo la fondazione di Brindisi nel 244 a.C. Nel lapidarium è conservata anche una lastra tombale, con iscrizione messapica, proveniente da «Muro Tenente». Di notevole importanza l'iscrizione votiva dedicata a Diovei Mourgo: proveniente da «Muro Maurizio» e databile alla fine del II sec. a.C., essa testimonia l’inserimento di Giove, la massima divinità romana, tra gli dei della religione messapica..

Notevole è il corredo, proveniente dalla necro­poli meridionale, ritrovato in una tomba a semicamera, protetta, cioè, da muri e coperta da lastroni,  integra rinvenuta nel 1988, databile al III sec. a.C., ricomposta idealmente in tre vetrine contigue. Il suo corredo è costituito da 33 reperti, tra cui un grande cratere a volute a figure rosse, un grande cratere a campana dello stile di Gnathia, così chiamato da Egnazia, centro di produzione di questa particolare ceramica, su cui è raffigurato un corteo dionisiaco, vari craterini e anforette di stile di Gnathia, due anfore vinarie una proveniente da Cnido e l’altra da Rodi, numerose foglie di alloro auree relative ad una corona o diadema.

 

Chiesa di S. Anna

Nella stessa piazza Del Balzo c'è anche la chiesa di S. Anna, il cui progetto fu eseguito dal sacerdote Francesco Capodieci.

La costruzione ebbe inizio nel 1683 e fu terminata nel 1699 dai più famosi maestri del barocco salentino, tra cui Pietro Elmo e Giuseppe Cino.

La chiesa fu aperta al culto nel 1706. Possiede, di notevole, copia della Deposizione del Veronese, del secolo XVII,  attribuita al Cunavi, e varie statue in cartapesta, opera dell'artigiano mesagnese Ferdinando Celino del XIX secolo.

Nella stessa piazza c'è un palazzo, già Demitri ora Cavaliere, che fu molto probabilmente, dalla metà del Cinquecento agli inizi del Settecento, la sede delle forze di polizia cittadine.

Di fronte all'ingresso del castello vi è un palazzo diroccato che un tempo era detto ‘’la cavallerizza’’ dove erano ubicate le scuderie del castellano.

 

Chiesa di S. Leonardo e Porta Nuova

Tornati in piazza IV novembre, ci incamminiamo per via Eugenio Santacesaria, dove troviamo la chiesetta di S. Leonardo, eretta su un sito in cui nel Duecento esisteva una chiesetta fondata dai cavalieri Teutonici.

Poco più avanti, si trova palazzo Taberini, interamente rivestito da un bugnato rustico, una tecnica di rivestimento che usa pietre rozzamente tagliate, che sporgono molto dalla superficie del muro. Nella struttura muraria notiamo, armonicamente inseriti, due portali cinquecenteschi, uno dei quali datato 1583.

In via Martiri della libertà possiamo ammirare la Porta Nuova. Essa fu costruita nel 1605, demolendo alcune vecchie case e colmando un fosso che serviva da cloaca pubblica. La sua apertura fu resa necessaria per avere una via di facile comunicazione tra il centro abitato ed il Borgo Nuovo, che si era gradualmente sviluppato nelle vicinanze della chiesa dei Domenicani.

La Porta Nuova, che aveva subito dei danneggiamenti, fu ricostruita nel 1702, come asserisce l'epigrafe tuttora esistente. Sopra l'epigrafe, vi è uno stemma imperiale, probabilmente di Carlo III di Spagna; alla sua sinistra lo stemma cittadino; alla sua destra gli scudi residui dello stemma del marchese Barretta.



 

Insieme si può - questionario

 

Presentazione libro

Modigliani a Mesagne

Mostra modigliani

Per informazioni e prenotazioni
0831.732285
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Tour Mesagne

Raccolta differenziata

Spid point

crowdfunding

tributi


Calcolo IUC 2021
approfondimento su

PON FESR

Adeguamento spazi e aule
per COVID-19

PEBA

 

Città che legge

Museo del Territorio

Raccolta Differenziata

COSA DIFFERENZIARE



  MAPPA RITIRO CARTONE
 
 
Gli orari dell'Ecocentro Comunale di Via F. Marangio sono i seguenti:
•dal lunedì al sabato
dalle ore 08:00 alle 11:45
e dalle 14:00 alle 17:45;
•la domenica dalle ore 09 alle 11:45 e dalle 14 alle 16:45.

Raccolta fondi

 

I percorsi della salute

 

PON LEGALITA'


PON “Legalità 2014-2020. Asse 3, Azione 3.1.1: Avviso pubblico con procedura a valutativa a sportello per l’individuazione di interventi di recupero e rifunzionalizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata in Regione Puglia, Comune di Mesagne (BR), Progetto: “Porte Aperte”, costo totale € 198.500,00.

pagopa



Gli Amici di Snoopy


Carta Servizi

Progetto DEHORS

Cittadini InterAttivi

Teatro comunale

Portale S.A.C.

 


3 Minuti per Mesagne

 

Mesagne che vuoi

Webcam

Area Video

Visite virtuali

riga.jpg
riga.jpg
© 2021 Città di Mesagne - Sito Istituzionale - Partita Iva 00081030744 | via Roma, 4 | tel 0831.732111 | fax 0831.777403
| PEC: info@pec.comune.mesagne.br.it |
| Amministrazione Trasparente | Note legali | Privacy | | DICHIARAZIONE DI ACCESSIBILITA' |

Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.